Diario de la via de la Plata – 9° Tappa

Da A Gudina a Ourense 96 chilometri.
Anche stamattina il tempo non era dei migliori, fuori c’erano 10 gradi.
Abbiamo iniziato la salita per la stradina asfaltata verso Venda do Espino e successivamente verso Venda da Teresa. Da qui si apre un paesaggio davvero incredibile! Sulla destra c’è il lago Das Portas praticamente incontaminato e le sue sponde arrivano fino a Campobecerros. Questo è stato sicuramente il più bel percorso del cammino.
In un continuo saliscendi si arriva oltre Portocamba dove c’è la Cruz de Milladoiro e da qui inizia la discesa fino a Laza dove si arriva a 475 metri. 
Piccola sosta per riprendere le forze perché da qui inizia la salita costante fino ad Albergueria, dove la sosta al Rincon del Peregrino è obbligatoria. 
Un locale pieno di conchiglie attaccate ovunque, con nomi di tutti i pellegrini passati da qui. Ancora un pó di salita e poi lunga discesa per Villar del Barrio ed in un costante saliscendi si arriva a Xunqueira de Ambía. 
Da qui ormai è tutto in discesa fino ad Ourense per 20 chilometri. Entrati in città ci sono le indicazioni dell’albergue per i pellegrini e se si prosegue per il centro città si può passare all’ufficio informazioni per un timbro.
La tappa di oggi si è presentata molto dura, arrivando a superare i 1600 metri di dislivello è stata quella più dura per le gambe ma lo sforzo è stato ripagato dai bellissimi paesaggi che la Galizia ci ha offerto. 

Riccardo Petrucci

Lasciaci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.