A piedi in Italia: tra via Francigena e via Romea

Sto caricando la mappa ....

Data e orario
19 marzo 2016
11:30

Luogo
Fa' la cosa giusta! - Milano


Il 2016 è sia l’anno nazionale dei cammini che quello del Giubileo: un’occasione irripetibile per interrogarsi sui grandi progressi che negli ultimi anni sono stati compiuti nel nostro Paese per lapromozione del turismo sostenibile e responsabile, a piedi o in bicicletta, che valorizzi il territorio, la storia, le tradizioni e le comunità. Ma anche un’occasione per cogliere le lacune da colmare, i passi che possono ancora esser fatti affinché si possa passare dalla fase delle esperienze pilota alla realizzazione di un progetto complessivo nazionale, che veda a fianco delle principali e più estese direttrici una ben più articolata rete di sentieri che attraversano tutte le Regioni, senza dimenticare i collegamenti con le reti europee.

Ne parlano a Milano a Fa la cosa giusta 2016 i protagonisti della via Francigena, una realtà consolidata che già registra un importante presenza di pellegrini e camminatori e della via Romea, che si affaccia ora all’attenzione del pubblico e delle istituzioni, ma che possiede analogo potenziale.
Con loro il Ministero dei beni culturali e del turismo, che può dare un contributo essenziale di indirizzo, perché le competenze nazionali e regionali sappiano trovare l’indispensabile sintesi in una progettazione comune pienamente condivisa da tutti.

Con:
Paolo Piacentini, consulente sul tema Cammini per il Gabinetto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo;
Massimo Tedeschi, presidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene;
Rodolfo Valentini, Presidente Associazione Via Romea Germanica;
Flavio Foietta, Vicepresidente Associazione Via Romea Germanica;
Simone Frignani, da anni percorre l’Italia a piedi e in bici, mappando antichi percorsi e individuando nuovi cammini.

A cura di: Terre di Mezzo Editore

Partecipazione: gratuita
Per info e prenotazioni: non occorre prenotare

Lasciaci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.