Incontri sul cammino a Orio Litta

I pellegrini che partivano da Canterbury per arrivare a Roma incontravano tre grandi ostacoli: la Manica, le Alpi e il Po. Il grande fiume, che nei secoli variò tante volte il corso delle sue grandi anse, veniva attraversato con uno zatterone nel tratto fra Corte Sant’Andrea e Orio Litta.

Dal 1999 Orio Litta è un borgo attivo nel far vivere la tradizione dell’ospitalità; il Comitato Accoglienza Pellegrini, ideatore del timbro tappa ufficiale, offre un libro d’onore dove i romei vengono registrati e scrivono le loro impressioni. Nel 2000 l’Amministrazione Comunale ha inaugurato l’ostello medioevale di Cascina S. Pietro: un luogo affascinante, posto nel cuore del borgo. Dalla torre si osserva l’argine del Po e si spazia con lo sguardo fino agli Appennini.

Dal 2007 la millenaria grangia benedettina è l’atteso posto tappa per coloro che si mettono in cammino. Nel 2012 è stato inaugurato il restyling del teatro all’aperto della cavea: luogo di concerti e rappresentazioni dove un grande logo del pellegrino indica la Via per Roma. La grangia è stazione preziosa sulle strade dei pellegrinaggi tradizionali, ma anche su lunghi cammini che si stanno riscoprendo o nuovi itinerari che si vanno tracciando. E Orio è sempre più protesa verso chi cammina alla ricerca di sé stesso e degli altri.

Nel mese di Aprile 2013 il Comune di Orio Litta e il Comitato Accoglienza Pellegrini propongono momenti di riflessione e tappe di incontro sulla storia e la mobilità dolce:

  • 24 Aprile ore 21.00 – Il cammino della memoria: Dal Don a Nikolajewka

Nel Gennaio del 1943 i soldati italiani lungo il fronte russo ricevono l’ordine di ritirarsi, ma sono ormai accerchiati dalle truppe russe: sono chiusi nella “sacca”.

Molti di loro non torneranno a casa, molti lo faranno contrastando ogni genere di avversità, molti neppure racconteranno ciò che hanno vissuto.

Nel Gennaio del 2011 cinque italiani decidono di ripercorrere lo stesso percorso negli stessi giorni della ritirata e in occasione del 150° dell’Unità d’Italia.

  • 27 Aprile ore 21.00 – Le domande del cammino

Negli ultimi anni sempre più persone si mettono in cammino. Verso Santiago, verso Roma o lungo altre vie che si sono riscoperte o sono state tracciate.

Dove vado? Parto da solo o con altri? Ce la farò?

Quali sono le domande che si pone chi vorrebbe partire per un lungo cammino?

La scelta, l’impegno, la fatica, la strada, gli incontri, i problemi, i percorsi, i timori, l’ospitalità…

  • 27-28 Aprile – Ritmo dei passi – Dal sabato pomeriggio alla domenica pomeriggio

Prima di partire sorgono molte domande, alcune più legate alle proprie ansie, ai propri timori, altre più pratiche legate a come prepararsi tecnicamente e a come organizzarsi. Questi due giorni sono rivolti a chi vuole partire per un lungo cammino, si camminerà insieme, si parlerà si abbigliamento, di equipaggiamento, di come orientarsi.

La sera del 27 Aprile è prevista la partecipazione alla serata “Le domande del cammino”.

L’incontro è gratuito. È previsto un massimo di 15 partecipanti.

Per informazioni e adesioni:

Email: [email protected]

Facebook: girumin girumin

Gli incontri sono tenuti da Giancarlo Cotta Ramusino, autore di “Camminatori” pubblicato da Terre di mezzo (www.terre.it).

Lasciaci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.